ASSOCIAZIONE

Alimentari

Azienda Agricola “La Ferula”

Via Martiri Della Liberta' 24
Tel 333 4634624
Website http://www.laferula.it/

L’Azienda agricola La Ferula è nata a Staranzano più di cento anni fa. I Feruglio, originari della provincia di Udine, fin dal 1700, erano proprietari di una tenuta di campagna proprio a Staranzano: da allora il piccolo borgo è cresciuto molto, diventando un comune con più di 7000 abitanti inglobando nella sua rete urbana l’azienda agricola che, seppur in centro del paese, ha mantenuto intatte le sue tipiche caratteristiche rurali con i suoi fabbricati, tra cui la restaurata villa Chichin, antica dimora del vescovo Antonio Feruglio, i grandi giardini con gli animali da cortile liberi, la locanda e la cantina.

Grazie ad un sapiente e meticoloso restauro, la villa Chichin, risalente al 1700, ha riacquistato il fascino delle antiche dimore padronali. Gli arredi sono stati restaurati con le antiche tecniche, sono stati recuperati numerosi mobili del periodo, oggetti sacri ma anche attrezzi da lavoro, quadri e suppellettili, così da ricreare il più possibile, l’atmosfera che si respirava in quegli anni.
L’azienda ospita la Locanda Italia, stile vecchia osteria di paese, riproposta con le caratteristiche peculiari e l’atmosfera calda e confortevole.Qui potrete assaggiare le pietanze tipiche del nostro territorio con ricette tramandate da generazioni, con tutti prodotti freschi e a chilometro zero. Appena inaugurata è diventata un punto di riferimento per i buongustai o semplicemente per gli amici che si ritrovano a chiaccherare davanti ad un buon bicchiere di vino.
Il settore principale dell’Azienda agricola è quello viti-vinicolo.La superficie coltivata a vite si estende per circa 16 ettari a sesto d’impianto fitto, a potatura a guyot. La cantina di lavorazione si trova negli antichi fabbricati rurali restaurati e all’interno della villa Chichin è stato ricavato un punto vendita per il vino sfuso o imbottigliato.I vini prodotti sono: il Bianco ,lo Chardonnay, il Riesling Renano, il Pinot Bianco, la Malvasia, il Cabernet, il Refosco, il Verduzzo friulano (dolce); tutti IGT. Per le bollicine proponiamo uno spumante brut con un uvaggio di: 90% di Chardonnay, 5% Riesling Renano e 5% Pinot bianco.
Fondamentalmente siamo contadini. La nostra azienda agricola coltiva frutta e verdura con 8 ettari di impianto di mele, 5 di frutteto e orto all’aperto, un impianto di pesche ed un uliveto di circa 600 ulivi, da cui ricaviamo il nostro olio extravergine di oliva.
Le mele sono un nostro punto di forza: vengono coltivate secondo agricoltura tradizionale integrata. Oltre alla vendita sfusa, si può gustare un ottimo succo in confezione bag in box. Dal 1925 la nostra famiglia coltiva gli asparagi:i metodi di allora erano molto diversi dagli attuali: l’asparago doveva essere raccolto al mattino presto o al tramonto, per impedire ai raggi solari di innescare nei turioni degli asparagi la fotosintesi, che li faceva virare ad un colore rosato prima e verde poi. Oggi dedichiamo circa 18 ettari a questa coltivazione, nella zona di Aquileia, dove i terreni sabbiosi consentono all’asparago di crescere senza particolari resistenze, rendendolo particolarmente tenero.

Dove trovarci
L’Azienda agricola La Ferula è nata a Staranzano più di cento anni fa. I Feruglio, originari della provincia di Udine, fin dal 1700, erano proprietari di una tenuta di campagna proprio a Staranzano: da allora il piccolo borgo è cresciuto molto, diventando un comune con più di 7000 abitanti inglobando nella sua rete urbana l’azienda agricola che, seppur in centro del paese, ha mantenuto intatte le sue tipiche caratteristiche rurali con i suoi fabbricati, tra cui la restaurata villa Chichin, antica dimora del vescovo Antonio Feruglio, i grandi giardini con gli animali da cortile liberi, la locanda e la cantina. Grazie ad un sapiente e meticoloso restauro, la villa Chichin, risalente al 1700, ha riacquistato il fascino delle antiche dimore padronali. Gli arredi sono stati restaurati con le antiche tecniche, sono stati recuperati numerosi mobili del periodo, oggetti sacri ma anche attrezzi da lavoro, quadri e suppellettili, così da ricreare il più possibile, l’atmosfera che si respirava in quegli anni. L'azienda ospita la Locanda Italia, stile vecchia osteria di paese, riproposta con le caratteristiche peculiari e l’atmosfera calda e confortevole.Qui potrete assaggiare le pietanze tipiche del nostro territorio con ricette tramandate da generazioni, con tutti prodotti freschi e a chilometro zero. Appena inaugurata è diventata un punto di riferimento per i buongustai o semplicemente per gli amici che si ritrovano a chiaccherare davanti ad un buon bicchiere di vino. Il settore principale dell’Azienda agricola è quello viti-vinicolo.La superficie coltivata a vite si estende per circa 16 ettari a sesto d’impianto fitto, a potatura a guyot. La cantina di lavorazione si trova negli antichi fabbricati rurali restaurati e all’interno della villa Chichin è stato ricavato un punto vendita per il vino sfuso o imbottigliato.I vini prodotti sono: il Bianco ,lo Chardonnay, il Riesling Renano, il Pinot Bianco, la Malvasia, il Cabernet, il Refosco, il Verduzzo friulano (dolce); tutti IGT. Per le bollicine proponiamo uno spumante brut con un uvaggio di: 90% di Chardonnay, 5% Riesling Renano e 5% Pinot bianco. Fondamentalmente siamo contadini. La nostra azienda agricola coltiva frutta e verdura con 8 ettari di impianto di mele, 5 di frutteto e orto all’aperto, un impianto di pesche ed un uliveto di circa 600 ulivi, da cui ricaviamo il nostro olio extravergine di oliva. Le mele sono un nostro punto di forza: vengono coltivate secondo agricoltura tradizionale integrata. Oltre alla vendita sfusa, si può gustare un ottimo succo in confezione bag in box. Dal 1925 la nostra famiglia coltiva gli asparagi:i metodi di allora erano molto diversi dagli attuali: l’asparago doveva essere raccolto al mattino presto o al tramonto, per impedire ai raggi solari di innescare nei turioni degli asparagi la fotosintesi, che li faceva virare ad un colore rosato prima e verde poi. Oggi dedichiamo circa 18 ettari a questa coltivazione, nella zona di Aquileia, dove i terreni sabbiosi consentono all’asparago di crescere senza particolari resistenze, rendendolo particolarmente tenero.